Follicolite della barba: come trattarla?

Le nostre offerte mensili

€ 16,40 € 7,90

€ 18,10 € 15,90

€ 7,90 € 5,90

Follicolite della barba: come trattarla? 04 Maggio 2021

La rasatura quotidiana è una buona abitudine protagonista della beauty routine di tanti uomini.

Un gesto di bellezza e di benessere, ideale per sentirsi sempre in ordine.

L’azione della lama sul viso, tuttavia, può irritare l’epidermide più sensibile e scatenare disturbi dermatologici, come la follicolite della barba.

Cos’è la follicolite della barba?

Quando i bulbi piliferi maschili presenti sul viso, sul collo e sotto il mento si infiammano e s’infettano, si parla di follicolite della barba.

I sintomi? Un diffuso arrossamento, un intenso prurito e la nascita di piccole pustole o foruncoli, anche dolorosi.

Un disturbo che può anche diventare ricorrente, dando vita a recidive frequenti ogni volta che si procede alla rasatura.

Come prevenire la follicolite della barba?

Come prima cosa, è importante preparare la pelle del viso al passaggio della lama: prima della rasatura mattutina, bagnate il viso con acqua calda – per aprire i pori – e ammorbidite l’epidermide con una crema cosmeceutica formulata per idratare e rendere elastici i tessuti.

Inoltre, scegliete le lamette monouso: la follicolite è spesso scatenata da un’infezione da Staphylococco aureus e la sua diffusione può essere contenuta utilizzando sempre strumenti puliti.

Come curare la follicolite della barba?

Se la follicolite è già spuntata o se siete soggetti a recidive, valutate insieme al medico l’utilizzo di creme antibiotiche, a base di mupirocina o acido fusico.

Ricordate, infine, di lavare il viso con detergenti antisettici e disinfettanti, per eliminare ogni residuo batterico dalla pelle del viso e limitare contagi e ricadute.

Ultime news
  • I benefici del Sale, prezioso elemento marino

    08 Maggio 2021
    Ci accorgiamo delle eccellenti proprietà del sale in estate, quando andando al mare la nostra pelle appare più liscia e levigata, e le piccole imperfezioni e disturbi dell’epidermide tendono a mimetizzarsi o a scomparire del tutto.

    Possiamo però sfruttare i numerosi benefici del sale anche in inverno, acquistando prodotti e cosmetici che lo contengano nelle quantità giuste per assicurare un’efficace azione detossinante ed anche snellente.

    Con i suoi granelli più o meno fini, il sale ha innanzitutto la capacità di eliminare impurità dell’epidermide e le cellule morte, di levigare la pelle e togliere le ruvidità anche nei punti più difficili, come le ginocchia, i gomiti e i talloni.

    Proprio per tali motivi il sale rientra nelle formulazioni della maggior parte degli scrub in commercio, che lo utilizzano sia nella versione molto fine, per gommage adatti a tutto il corpo, sia con grani più grossi per esfolianti destinati alle zone meno fragili ed esposte, come i glutei, i fianchi, le gambe.

    La qualità più spiccata del sale marino è la sua potente azione drenante, poiché assorbe i liquidi stagnanti e le tossine che impregnano i tessuti, tenendo sotto controllo gonfiori e buccia d’arancia, e rimodellando la silhouette. Oltre che negli scrub, il sale non può mancare nei prodotti per il bagno, nei cosmetici anti-cellulite e in altre formule riducenti, che si possono usare in successione per un effetto potenziato.

    Prima di cominciare un trattamento a base di prodotti anticellulite sono particolarmente indicati gli esfolianti salini, che permettono di ottenere risultati in tempi più rapidi.

    Gli esfolianti salini a grana grossa vanno massaggiati a lungo sulle zone con ristagni e cellulite, magari con un guanto di spugna. Se il prodotto è troppo asciutto, basta aggiungere un po’ di olio di oliva o di mandorle.

    Tra i diversi Sali utilizzati nel settore cosmetico, quelli del Mar Morto vantano un’elevata percentuale di minerali, in particolare magnesio e potassio, che lo rendono un ingrediente molto apprezzato per i suoi effetti drenanti, disintossicanti e riequilibranti.

    Oltre che negli anticellulite, questi Sali vengono usati per impacchi, fanghi e creme corpo, in quanto possiedono proprietà rimineralizzanti per l’epidermide, aiutando a contrastare i cedimenti e a preservare il tono cutaneo.

    Nel nostro reparto dedicato alla Dermocosmesi troverai una vasta gamma di prodotti e cosmetici per ogni esigenza specifica della tua epidermide.

    Il sale è ottimo anche per un’immersione drenante che asciughi la silhouette. Servono quattro-cinque manciate di sale e acqua piuttosto calda all’inizio per eliminare le tossine, che va piano piano raffreddata per una ginnastica vascolare che favorisce l’eliminazione dei liquidi stagnanti e dà tono alla pelle.

    Se hai qualche dubbio o desideri ricevere consigli sul prodotto più adatto, non esitare a chiedere al nostro personale in Farmacia.
  • Succedono tante cose nel corpo, mentre noi dormiamo

    06 Maggio 2021

    Fin dall'antichità, i misteri del sonno hanno affascinato poeti, artisti, filosofi, studiosi dei miti e letterati. Da una stima recente, risulta che oltre il 40% degli italiani soffre di disturbi del sonno, spesso non accertati. Sei sicuro/a di conoscere davvero ciò che succede all'organismo mentre dormi?

    Durante la notte si verificano numerosi processi. Un buon sonno ristoratore è utile per ridurre lo stress, pulire il cervello, archiviare i dati, memorizzare dati ed esperienze.

    Nella prima parte della notte e specialmente nello stadio di sonno profondo, l'organismo riduce la produzione di cortisolo, sostanza nota come "ormone dello stress".

    Sempre nello stadio di sonno profondo "Non Rem" che il cervello elimina le sostanze di scarto che produce durante la veglia. Tra queste c'è anche la proteina beta-amiloide, che sembra rivestire un ruolo importante nella comparsa della malattia di Alzheimer.

    Nel corso della notte avviene la selezione delle informazioni e dei ricordi acquisiti di giorno, e l'inserimento delle nozioni negli "scaffali" giusti della memoria, per poi essere ripescati e utilizzati quando occorre.

    Caratterizzato dalla libera espressione degli istinti attraverso i sogni, il sonno Rem ricopre un ruolo importante nell'apprendimento, soprattutto nel rafforzamento della memoria procedurale, cioè la conoscenza di abilità, per esempio saper pedalare la bicicletta.

    Le ore di sonno necessarie da adulto sono i media otto-nove, ma diminuiscono con l'avanzare dell'età. Il problema sorge quando si rompe l'equilibrio naturale tra sonno e veglia. Anche se ogni persona è diversa, tutti dovremmo cercare di mantenere uno stile di vita salutare, o meglio, è più corretto parlare di "igiene del sonno".

    Se hai disturbi del sonno che ti rendono difficile la vita, puoi rivolgerti con fiducia al personale della nostra farmacia. Saremo lieti di offrirti le migliori soluzioni personalizzate per ogni tuo problema.

  • Follicolite della barba: come trattarla?

    04 Maggio 2021

    La rasatura quotidiana è una buona abitudine protagonista della beauty routine di tanti uomini.

    Un gesto di bellezza e di benessere, ideale per sentirsi sempre in ordine.

    L’azione della lama sul viso, tuttavia, può irritare l’epidermide più sensibile e scatenare disturbi dermatologici, come la follicolite della barba.

    Cos’è la follicolite della barba?

    Quando i bulbi piliferi maschili presenti sul viso, sul collo e sotto il mento si infiammano e s’infettano, si parla di follicolite della barba.

    I sintomi? Un diffuso arrossamento, un intenso prurito e la nascita di piccole pustole o foruncoli, anche dolorosi.

    Un disturbo che può anche diventare ricorrente, dando vita a recidive frequenti ogni volta che si procede alla rasatura.

    Come prevenire la follicolite della barba?

    Come prima cosa, è importante preparare la pelle del viso al passaggio della lama: prima della rasatura mattutina, bagnate il viso con acqua calda – per aprire i pori – e ammorbidite l’epidermide con una crema cosmeceutica formulata per idratare e rendere elastici i tessuti.

    Inoltre, scegliete le lamette monouso: la follicolite è spesso scatenata da un’infezione da Staphylococco aureus e la sua diffusione può essere contenuta utilizzando sempre strumenti puliti.

    Come curare la follicolite della barba?

    Se la follicolite è già spuntata o se siete soggetti a recidive, valutate insieme al medico l’utilizzo di creme antibiotiche, a base di mupirocina o acido fusico.

    Ricordate, infine, di lavare il viso con detergenti antisettici e disinfettanti, per eliminare ogni residuo batterico dalla pelle del viso e limitare contagi e ricadute.

Rubriche
  • COME COMBATTERE IL FREDDO

    21 Settembre 2022

    Quando fa troppo freddo e il nostro fisico non sopporta questo cambiamento climatico, cosa bisogna fare? Coprirsi con l'abbigliamento idoneo, no, risposta sbagliata perché, purtroppo questa attenzione il più delle volte, non è sufficiente. Il freddo è una "cosa" naturale, in quanto è inevitabile e fa parte delle quattro stagioni. Per combatterlo nella maniera giusta e corretta, bisogna ricorre ad un'alimentazione che apporti calore al nostro organismo, aumentando la temperatura corporea e facendo passare i brividi di freddo.

    In questo nuovo articolo, vi riveliamo quali sono gli alimenti anti-freddo.

    Gli alimenti che scaldano il corpo e apportano benefici e sollievo immediato sono:

    Il peperoncino

    Lo zenzero

    L'aglio

    La cipolla

    Il tè e le tisane

    Le zuppe

    Il cioccolato extra fondente

    I legumi

    La frutta secca

    Le verdure

    La carne bianca

    Tutti questi cibi elencati aiutano a combattere il freddo, perché stimolano la circolazione sanguigna aumentando gradualmente la temperatura corporea. Donano inoltre, energia in modo tale da migliorare la sopportazione delle temperature rigide.

    Altri consigli sono:

    Bevete sempre anche se fa freddo, almeno 2 litri di acqua lontano dai pasti principali, l'organismo ne ha bisogno sempre.

    Non fate diete drastiche durante gli inverni freddi, anzi, cercate di mangiare un pò di più.

    Evitate il consumo eccessivo di alcool, perché il calore che vi dona è solo momentaneo.

    La giusta alimentazione è sempre consigliata, sia per il benessere dell'organismo e in questo caso è indispensabile, per sconfiggere il freddo. Non dimenticate mai, che la buona salute parte dalla tavola e a scegliere siete soltanto voi. Non è necessario un abbigliamento eccessivamente pesante, è importante scaldare il corpo in modo naturale e tutto questo è possibile, grazie a madre natura. Lei è ovunque possiede sempre, ciò di cui noi abbiamo bisogno...

    Brividi di freddo? No, dai ora sapete come scordarli, scaldandovi in modo naturale!

  • FRULLATO PER COMBATTERE E PREVENIRE I DOLORI MUSCOLARI

    14 Settembre 2022

    Gli sportivi, spesso richiedono al proprio corpo sforzi fisici eccessivi e troppo intensi da sopportare, che nella maggior parte delle situazioni possono provocare i fastidiosi dolori muscolari. Infatti, allenarsi regolarmente, non è sbagliato, ma l'errore è sottoporre i propri muscoli e tutto il proprio corpo ad un tipo di allenamento, troppo esagerato, perché per rimanere in buona salute e avere la giusta energia fisica, bisogna mantenere sempre un giusto equilibrio tra gli esercizi e il riposo.
    In questa nuova guida sportiva, vi consigliamo di consumare prima o dopo lo svolgimento della vostra attività fisica, un frullato che combatte e previene i dolori muscolari, ma che inoltre, migliora i tempi di recupero dopo gli sforzi fisici. Vediamo, quali ingredienti occorrono e come prepararlo.

    Frullato per combattere e prevenire i dolori muscolari

    Gli ingredienti che vi occorrono, per la preparazione sono:

    1 fetta di anguria (una bella fetta grande)
    10 fragole (abbastanza grandi)
    1/2 succo di un limone

    Dovete prendere una bella fette di anguria e le fragole, tagliare il tutto in piccoli pezzetti e frullare con il frullatore, fino a quando non ottenete un composto denso e cremoso. Versate il vostro mix di frutta, in un bicchiere e aggiungete il succo di mezzo limone spremuto, mescolate con un cucchiaio e non aggiungete mai, lo zucchero (riduce le proprietà benefiche ).
    Consumate, prima o dopo gli allenamenti e risultati benefici saranno garantiti.

    I benefici che riscontrerete consumando questo frullato saranno, una maggiore resistenza fisica, un recupero di energia in minor tempo e i fastidiosi dolori muscolari, attenuati notevolmente.

    A questo punto, il consiglio che possiamo darvi rimane sempre lo stesso. Non chiedete mai di più al vostro organismo e quando avvertite la mancanza di forza, fermatevi.
    Allenatevi correttamente, senza oltrepassare la soglia del vostro limite, perché il giusto equilibrio, vi permette di essere in buona forma fisica e in perfetta salute.

    Buon allenamento.

  • MASCHERA CONTRO I BRUFOLI AL BICARBONATO

    07 Settembre 2022

    Alzi la mano chi non conosce i brufoli, nessuno alzerà la mano, perché questo problema chi più chi meno lo conoscono tutti e in molti li odiano, perché sono brutti da vedere erendono la pelle "sporca" . Diciamo, che soprattutto nelle donne sono un fastidioso dilemma che crea disaggio quando si applica il make up. I brufoli sono generalmente piccoli, ma il modo di trattarli, non dipende dalle loro dimensioni ma dal fatto di doverli eliminare, nella maniera giusta con il trattamento che li combatta e che non lasci cicatrici sul viso.

    In questa guida, oggi vi riveliamo un segreto, sapete che i brufoli si possono allontanare con il bicarbonato di sodio? Si, si, questo è possibile. Il vantaggio è un ottimo risultato a un costo piccolissimo. Andremo a realizzare una maschera,per il viso semplice e che richiede pochissimi minuti per la preparazione.

    Maschera contro i brufoli al bicarbonato di sodio

    Gli ingredienti che vi occorrono sono:

    3 cucchiai di bicarbonato di sodio

    3 cucchiai di acqua tiepida

    Bene, prendete una ciotola e mettete la dose di bicarbonato, aggiungete la quantità indicata di acqua tiepida e procedete mescolando con un mesto da cucina in legno. Una volta che avete fatto amalgamare il tutto, applicate su tutto il viso o se volete, solo sulla zona dove compaiono i brufoli e lasciate agire per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, sciacquate via tutto il composto con acqua fredda, attendete circa una decina di minuti prima di applicare la crema idratante, oppure potete sostituirla con il gel di aloe vera. Ripetete questo trattamento, almeno 1 volta al giorno fino a quando il brufolo o i brufoli non scompaiono completamente.

    Il vantaggio di utilizzare il bicarbonato di sodio è che agisce, seccando il brufolo fino a farlo scomparire dall'epidermide. Inoltre, purifica la pelle ed è anche ideale per contrastare i punti neri.

    Addio brufoli...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.